ELbuild a Perth per il lancio della nuova versione dell’app Shofer

Hai mai sentito parlare dell’app Shofer? No? Beh, presto non potrai più dirlo. Non solo perché trovandoti in questa pagina web saremo noi a fornirti informazioni (😊), ma anche perché in questi giorni saremo a Perth, in Australia occidentale, per il lancio della nuova versione dell’applicazione mobile.

Abbiamo riscritto tutta la piattaforma, portando novità sia per i driver che per gli utenti. Nuove funzioni in arrivo, pensate per migliorare l’esperienza del servizio. Vi racconteremo tutto più approfonditamente qui e anche sulla nostra pagina Facebook.

Intanto, qualche notizia di base.

app shofer ride sharing australia

Cosa è Shofer

Shofer è un servizio di ride-sharing realizzato in proprio, con finanziamenti di imprenditori originari del Sud Africa e l’appoggio di staff locale.

Come fa il forse più conosciuto Uber, Shofer mette in collegamento la domanda di una corsa automobilistica con l’offerta della stessa, attraverso un software che geo-localizza il cliente e lo coordina istantaneamente con un autista, scegliendo tra quelli disponibili.

Lanciato inizialmente a Durban in Sud Africa e poi portato nell’aprile del 2016 a Perth nell’Australia occidentale, il servizio non è attivo in Italia ma, anche grazie all’intervento di riscrittura della piattaforma che ci apprestiamo a presentare, ha ottime e concrete prospettive di continuare a scalare il vasto mercato australiano.

ELbuild per Shofer

Lo affermiamo con un pizzico di orgoglio e con una buona dose di oggettività. Shofer diventerà grande!

Partiamo dall’orgoglio: ELbuild è stata scelta dal team di Shofer fin dall’inizio. Mentre spesso ci accade di venir chiamati per revisionare un progetto già lanciato, in questo caso siamo stati coinvolti nello sviluppo e nella realizzazione ex-novo dell’intero sistema dal momento in cui l’idea ha preso forma.

Abbiamo progettato la parte del backend, sviluppato su tecnologie Java EE ed ospitato su infrastruttura AWS, nonché le due app iOS e Android, realizzate con tecnologie native. Abbiamo anche prodotto per intero l’interfaccia utente, la linea grafica ed il sito web (sul nostro sito maggiori informazioni tecniche).

Veniamo all’oggettività. Shofer si è voluta distinguere dai concorrenti puntando su tre fattori importanti per invogliare gli utenti a scegliere il servizio.

Primo, la trasparenza del prezzo: il costo della corsa è infatti stabilito preventivamente. Il cliente indica dove si trova e dove vuole andare. In base a questi dati gli viene restituito il prezzo della corsa. Non è quindi contemplata la tariffazione dinamica. Ciò significa che chi usa Shofer non si troverà mai nella spiacevole situazione di dover pagare la propria corsa più di quanto immaginato. Saprà quanto andrà a spendere prima di salire in auto.

Secondo: la sicurezza. All’interno dei veicoli Shofer si trovano telecamere connesse 24/7 ad una centrale di controllo. Inoltre è prevista a bordo la presenza di un device, il breathalizer, capace di garantire che il driver sia sobrio al 100%. In caso contrario la macchina viene bloccata.

Terzo: la responsabilità. Come servizio di ride-sharing, Shofer rappresenta un business nel campo della mobilità sostenibile. Per coerenza con questo principio e questo lifestyle, gestisce una flotta di automobili hHybrid Toyota Camrys.

Shofer: cosa cambierà

Nella riscrittura della piattaforma abbiamo cercato di coniugare diverse esigenze. Quelle dell’amministrazione del servizio, quelle dei driver e quelle dei clienti.

Abbiamo quindi lavorato per fornire nuove funzionalità di reportistica e monitoraggio della base utenti, dei driver e delle corse. Tutti aspetti fondamentali per continuare ad erogare un servizio di alta qualità, vicino ai bisogni degli utilizzatori reali.

Ci siamo adoperati anche per sviluppare un sistema agile e immediatamente comprensibile per gli autisti parte del team di Shofer. Volevamo che potessero usufruire di uno strumento semplice, che consentisse loro di concentrarsi sul servizio.

Infine, abbiamo introdotto nuove funzionalità dell’applicazione pensate per gli utenti. Tra queste il ‘In-App Pre-Bookings’ della corsa che vedete in questo video.

Conclusioni

Siamo molto entusiasti di questa avventura e sempre più motivati ad essere parte di progetti pensati da persone per le persone.

Se anche voi ne avete uno da voler condividere con noi, scriveteci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *